Trepuzzi
Un patto di amicizia per i bambini Saharawi
martedì 31 luglio 2012

Sarà un cerimonia molto speciale quella che si svolgerà questa sera presso il Comune di Trepuzzi. Verrà infatti firmato un patto di amicizia con il Comune (Dajra) di Bir Enzaran della Repubblica Araba Saharawi Democratica (Rasd), finalizzato a sostenere la causa di un popolo costretto a vivere da più di trent’anni nei campi profughi algerini del deserto inospitale di Tindouf, e a lottare, tra l'altro, con temperature che possono arrivare fino a 50 gradi.

Tra le finalità del patto, l’impegno a concordare regolari visite dei rispettivi rappresentanti istituzionali al fine di promuovere la conoscenza reciproca; a rendere possibile l’accoglienza estiva in Italia di bambine e bambini provenienti dai campi profughi Saharawi, la loro partecipazione ad attività ricreative e l’accesso a un accurato screening sanitario; a promuovere programmi a tutela della maternità e dell’infanzia, per consentire l’accesso all’istruzione inferiore e superiore, migliorare le condizioni igienico-sanitarie nelle tendopoli Saharawi, sostenere le attività produttive, con un’attenzione particolare alla condizione femminile; a definire campagne informative e di sensibilizzazione sulla causa del popolo Saharawi, di mobilitazione degli enti locali, di pressione sul governo italiano, l’Unione Europea e gli organismi internazionali.

Con il patto il Comune di Trepuzzi si impegna anche ad aderire al Quaderno di obiettivi ed azioni degli enti locali italiani a tutela dei diritti umani della popolazione Saharawi nel Sahara Occidentale occupato e a partecipare alla Campagna “Adotta una cisterna per il Sahara Occidentale” promossa dall’Associazione di Promozione Sociale “Melquiades” che prevede l’acquisto di cisterne di materiale inossidabile per le famiglie sprovviste al costo di 250 euro, da comprare direttamente in Algeria ad un costo minore che in Europa, sostenendo il diritto all’acqua di un popolo costretto a vivere nel deserto.

La cerimonia ufficiale è prevista per le ore 19.30 presso l'Aula Consiliare.

Seguirà, presso gli impianti sportivi, un rinfresco sociale a cui parteciperanno un gruppo di bambini saharawi ospiti del progetto di accoglienza promosso dall'Associazione "Melquiades" e a cui hanno aderito altre associazioni laiche e cattoliche, la Provincia di Lecce e una decina di altri comuni salentini.