Trepuzzi
Trepuzzi, “Maggioranza allo sbando e incapace di decidere”
martedì 3 luglio 2012
I consiglieri di minoranza criticano la Giunta Valzano. "Troppe assenze tra gli uomini di Valzano, salta la seduta del consiglio comunale"

L'ultima seduta del consiglio comunale, andata a vuoto per le assenze dei consiglieri, non è passata inosservata. Così Simona Manca, Ernesto Leganza, Luigi Taurino, Giovanni Perrone e Vito Leone, consiglieri di minoranza del comune di Trepuzzi, hanno diffuso una nota con tutto il loro dissenso per la pratica amministrativa della giunta Valzano. Secondo i consiglieri, le ripetute assenze e le divisioni interne sarebbero infatti un sintomo dell’incapacità di gestione con cui Valzano sta affrontando questa fase del percorso amministrativo.  “L’epilogo dell’ultima seduta del Consiglio comunale - scrivono i cinque consiglieri d’opposizione a proposito dell’ultima seduta dell’assise, sciolta per mancanza di numero legale - è emblematico dello stato confusionario e delle profonde divisioni della maggioranza che sostiene il sindaco Valzano, all’interno della quale ognuno va per la sua strada. Evidentemente manca una condivisione di fondo e una visione unitaria della politica cittadina, come è stato impietosamente dimostrato dalle assenze in aula. C’è poi una certa innegabile superficialità nell’agire amministrativo, segnata inequivocabilmente dal fatto che solo un attento esame degli atti (rivelatisi poi con profili di irregolarità e profondamente illogici) da parte dell’opposizione, fa aprire gli occhi ai consiglieri, anche di maggioranza, con maggiore senso di responsabilità e amore per Trepuzzi. E’ fin troppo evidente - concludono - che lo sbandamento della maggioranza di Valzano e l’incapacità di assumere decisioni, si riflettono negativamente sugli interessi dei cittadini. Oltre a denunciare questo grave stato delle cose, a noi non resta che invocare una matura e pronta assunzione di responsabilità del Sindaco e dei suoi uomini, considerati i problemi della comunità trepuzzina e le incalzanti esigenze amministrative”.