Politica
Amministrative nel Salento, ecco i nuovi sindaci dei Comuni al voto
lunedì 27 maggio 2019

Ventotto comuni della provincia al voto con diversi primi cittadini alla ricerca della conferma. La sfida più attesa è quella di Copertino.

Sono 28 i comuni salentini della provincia di Lecce, che, a parte il capoluogo salentino, si sono presentati al voto il rinnovo dei rispettivi sindaci e consigli. I primi quatto eletti vengono dalle comunità che hanno espresso una sola lista e che avevano come unico scoglio da superare il quorum: confermati, dunque, Andrea De Pascali a Castrì di Lecce, Antonio Casarano a Seclì e Massimo Manera, presidente della Fondazione Notte della Taranta, a Sternatia. Chiude il cerchio Luca Benegiamo, nuovo sindaco di Giuggianello e già in passato vice dell’uscente Giuseppe Pesino che ottiene 714 preferenze su 768 voti espressi.

Ad Andrano, il sindaco uscente, Mario Accoto è stato sconfitto dall’ex primo cittadino Salvatore Musarò in uno dei ribaltoni di giornata. A Bagnolo del Salento, successo netto per Irene Chilla, in continuità con l’amministrazione Mariano. A Botrugno, Silvano Macculi torna sindaco a distanza di dieci anni dall’ultima volta, battendo il suo ex vice, Nino De Mitri. A Campi salentina, Alfredo Fina in vantaggio su Giuseppe Renis. A Carpignano Salentino, sorpresa dalle urne con il sindaco uscente Paolo Fiorillo (1281 voti) sconfitto da Mario Bruno Caputo (1307 voti), che gli toglie la fascia tricolore nella rivincita elettorale della sfida di cinque anni fa.

A Copertino, nella competizione più attesa insieme a quella del capoluogo, la sindaca uscente Sandrina Schito sarebbe in vantaggio nei confronti dei suoi sfidanti, ribaltando peraltro il successo alle Europee della Lega di Salvini, ma non riuscirà ad evitare il ballottaggio: con ogni probabilità se la dovrà vedere con Vincenzo De Giorgi.

A Corsano, Biagio Raona potrebbe tornare sindaco, mentre a Cursi, l’uscente Antonio Melcore si riconferma battendo come cinque anni fa lo sfidante Gino Chilla. A Lequile, successo di Vincenzo Carlà. A Martignano, è ufficiale la riconferma di Luciano Aprile con il 51,81% dei consensi, mentre a Miggiano, il nuovo sindaco, al termine di un lungo testa a testa, è Michele Sperti. A Minervino di Lecce, clamoroso ribaltone con Ettore Caroppo, che torna sindaco con uno scarto di 19 voti: nulla da fare per Angelo Gugliemo, a lungo in testa ma finito terzo, e per l’uscente Fausto De Giuseppe.

A Morciano, Lorenzo Ricchiuti batte nettamente Carmen Zichella superando il 90% dei consensi (93,72% con 1820 voti totali). A Muro Leccese, il primo cittadino uscente Antonio Lorenzo Donno ottiene la riconferma con un risultato che supera il 75% dei consensi. A Novoli dopo il commissariamento, vince Marco De Luca.

A Parabita, dopo le polemiche degli ultimi mesi, Stefano Prete ha la meglio su Salvatore Tiziano Laterza diventando il nuovo primo cittadino, prendendo 3736 voti pari al 78,11%. A Palmariggi, si riconferma sindaco Franco Zezza con il 58,93%. A Soleto, stravince il sindaco uscente Graziano Vantaggiato, mentre a Supersano, arriva la conferma per Bruno Corrado. A Surano torna sindaco Salvatore Puce.

 

A Specchia, successo della giovane imprenditrice Alessandra Martinucci. A Tiggiano, altra vittoria per un giovane con Giacomo Cazzato che si aggiudica la fascia tricolore, sostenuto dal primo cittadino uscente Ippazio Morciano, segretario provinciale del Partito Democratico, superando il 65% dei consensi: staccato e sconfitto lo sfidante Ippazio Simone. A Tuglie, si riconferma il sindaco uscente Massimo Stamerra. A Zollino, il consigliere di opposizione Edoardo Calò, nuovo sindaco.